21-22 ottobre a Prato #digit16

#digit16 le conversazioni sono notizie

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

#digit16 le conversazioni sono notizie

#digit16 21-22 ottobre Camera di Commercio di Prato

Ecco gli abstract dei due tavoli di cui sono relatore. A seguire il programma completo

21 ottobre venerdì, pomeriggio 15-18

Tavolo 3 conferenze stampa digitali relatore Sergio Ferraris.
Il digitale ha rivoluzionato anche l’ufficio stampa. Oltre all’utilizzo di mail e siti, per facilitare il lavoro dei giornalisti ora ci sono anche i social che sono diventati una primaria fonte d’informazione per i giornalisti (fino a un paio danni fa sarebbe stato difficile trovare un take d’agenzia che ammette il fatto che la dichiarazione è stata fatta su Facebook) e un canale di diffusione per aziende e politici che bypassa i sistemi tradizionali usati dall’ufficio stampa, ne muta le dinamiche e cambia anche il sistema di relazioni che l’ufficio stampa ha con i giornalisti. Le dinamiche del settore, ufficio stampa, quindi sono cambiate, ma soprattutto, sono in continuo cambiamento. Come rispondere a questi cambiamenti e, soprattutto, come mantenere attivi canali di comunicazione tra aziende/istituzioni e giornalisti, social media manager e blogger, sarà lo scopo di questo tavolo.

 22 ottobre sabato, mattina 10-13

Tavolo 6 giornalismo dalla pratica alla teoria, relatore Sergio Ferraris.
I giornalisti oggi subiscono la mutazione del giornalismo e non la guidano. In uno scenario in continua trasformazione pratiche consolidate e assodate diventano obsolete in batter d’occhio, figure professionali fino a poco tempo fa indispensabili sono cancellate. E i giornalisti, nonostante siano ancora ai vertici della filiera editoriale non riescono a guidare questi processi. In primo luogo non c’è l’abitudine, da parte dei giornalisti, di ragionare sul proprio lavoro in termini industriali, cosa che hanno sempre demandato agli editori, ma soprattutto c’è un’arretratezza generale nel capire come le tecnologie stiano cambiando tutto il lavoro giornalistico. C’è necessità, quindi, di partire dalla pratica, obsoleta, per arrivare a una teoria innovativa, sulla quale costruire la nuova filiera editoriale. Non esiste, a livello mondiale, nessuna ricetta. In ogni paese, regione, comune o quartiere nel quale si voglia aprire un organo d’informazione necessita di studi e metodologie ad hoc. è necessaria una sartoria editoriale specifica e di dettaglio.

Metodologia di lavoro dei tavoli:

I tavoli sono organizzati per avere risultati tangibili e perciò l’organizzazione sarà inquadrata così:

  • Breve introduzione del relatore
  • Vari giri di tavoli con brevi interventi di max 3 minuti ognuno.
  • Identificazione da parte del relatore di una parola chiave per ogni intervento
  • Riflessione finale sulle parole chiave identificate
  • Conclusioni

I temi della quinta edizione:

  1. Inclusione sociale: dalla morte della landing page agli istant articles
    (pubblicare gli articoli direttamente sui social per ampliare il proprio pubblico)
  2. Muri da scalare: dal metered paywall al reversed pensando alla membership (vendere non funziona meglio premiare le persone e farle diventare membri)
  3.  Flussi: dal prodotto editoriale singolo alla riflessione collettiva condivisa
    (quando la notizia si racconta da sola e in genere non informa)

Workshop:

Epic fails: figuracce e loro conseguenze (nel marketing, per l’immagine, nella popolarità, e numeri conseguenti) di e con Valentina Vellucci da Barilla in su per raccontare in modo “formativo” cosa è realmente accaduto dopo quella particolare scelta.


Smart society in Smart cities, la cultura digitale deve andare di pari passo con l’evoluzione tecnologica con Piero Dominici e Marco Dal Pozzo (la rivoluzione digitale è più una rivoluzione culturale che tecnologica riflessioni e approfondimenti attraverso riferimenti sociologici, strettamente legati alla comunicazione, all’informazione e ai nuovi media)


Sperimentazioni giornalistico-digitali: Radiobullets, Altermondes e deep web di e con Andrea Paracchini e Alessia Cerantola, Mauro Guzzo, case histories che raccontano modi diversi di informare utilizzando gli strumenti digitali e la rete


Second screen experience l’esperienza Eni vs Report Il racconto di come si possa anche nel nostro Paese realizzare esperienze di secondo schermo nella narrazione giornalistica. Gli strumenti digitali consentono il contraddittorio in diretta.


Strumenti di Google per i giornalisti di e con Elisabetta Tola, di Google NewsLab (applicazioni e software dentro il motore di ricerca per semplificare la vita dei giornalisti)


Reverse Paywall vs Metered Paywall di e con Pierluca Santoro e Alberto Puliafito (meglio far pagare o premiare i comportamenti virtuosi dei lettori?)


WhatsApp/Telegram social-giornalismo di e con Cristiano Lucchi, Lorenzo Tempestini e Alessandro Pattume l’uso e la sperimentazione nella PA e nel giornalismo dei social verticali


Istant articles e Amp di google. Le notizie pubblicate direttamente sui social da parte degli editori Mario Tedeschini Lalli, Vittorio Pasteris, Andrea Tortelli il racconto della sperimentazione sui media mainstream e l’approccio di un editore iper locale


Quanto è digitale la lingua italiana? con Claudio Marazzini e Carlo Bartoli esempi e comportamenti nel linguaggio giornalistico, le declinazioni di genere e l’applicazione delle carte deontologiche


Architetture sociali di e con Federico Badaloni (i contenuti vanno di pari passo con la costruzione e la progettazione degli ambienti)


La gestione delle emergenze territoriali sui social di e con Stefano Maria Cianciotta e Angelo Cimarosti (analisi delle metodologie social digitali utilizzate durante casi di emergenze territoriali)


Analisi sociologica dell’uso di twitter che fanno i giornalisti di e con Rita Marchetti e Sara Bentivegna (di cosa parlano, quali obiettivi, quali “le reti costruite chi retwittano, chi menzionano, chi linkano i giornalisti su twitter?).


Animatori digitali (Il metodo giornalistico applicato alla formazione dei docenti della scuola italiana) di e con Leila Zoia, Alessandro Giorni, Benedetta Squittieri.


I numeri della sanità (presentazione e analisi di case history di data journalism sanitario) di e con Claudia Dani.


Sullo stato del giornalismo e sull’inclusione digitale di e con Raffaele Fiengo e Carlo Sorrentino (il punto sulla professione e le sue implicazioni politiche, culturali e sociali)


Snapchat per il giornalismo con Marianna Bruschi e Giovanni Boccia Artieri (il racconto giornalistico sul social senza memoria)


Wikipedia di e con Frieda Brioschi (la storia, l’utilizzo, la compilazione dell’enciclopedia globale online orizzontale e condivisa)


Il caso Egitto e altri casi di cronaca (dall’individuazione dei flussi al controllo delle fonti) di e con Antonella Beccaria, Gigi Marcucci, Khalid Moufid, interprete giudiziario


“Leggere il territorio attraverso i dati del Registro Imprese” di Dario Caserta, responsabile dell’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Prato con Silvia Gambi


From Ona with news di e con Marianna Bruschi e Mario Tedeschini Lalli ( dall’ultima convention dell’Online News Association le ultimissime dal mondo della sperimentazione giornalistica )


Tavoli tematici 6 tavoli da 20 persone

 21 ottobre venerdì

Macro tema: l’ufficio stampa digitale (in collaborazione con: Eni, Anci Toscana, ForumPa, Unioncamere, Museo Pecci) Mattina – 10-13 Tavolo 1 multicanalità&storytelling: i social (relatore Vincenza Gargiulo)

  • Tavolo 2 multicanalità&storytelling: i dati (relatore Marco Alfieri)
  • Tavolo 3 multicanalità&storytelling: le tecniche di narrazione (relatore Daniele Chieffi )
  • Tavolo 4 turismo 4.0 (relatore Anna Bruno)
  • Tavolo 5 il diritto all’oblio (relatore Deborah Bianchi)
  • Tavolo 6 comunicare l’arte contemporanea (relatore Fabio Cavallucci)

Pomeriggio 15-18

  • Tavolo 1 applicare il Foia (relatore Benedetto Ponti)
  • Tavolo 2 crisis management (relatore Valentina Vellucci)
  • Tavolo 3 conferenze stampa digitali (relatore Sergio Ferraris)
  • Tavolo 4 open data ( relatore Luca Corsato )
  • Tavolo 5 politica e campagne elettorali ( relatore Sandro Vannini )
  • Tavolo 6 la Toscana degli uffici stampa ( relatore Dario Rossi )

22 ottobre sabato

Macro tema: editoria digitale iperlocale (in collaborazione con Anso)

Mattina 10-13

  • Tavolo 1 liveblogging ( relatore David Mammano)
  • Tavolo 2 diritto all’oblio ( relatore Deborah Bianchi)
  • Tavolo 3 applicare il Foia ( relatore Benedetto Ponti)
  • Tavolo 4 politica e campagne elettorali ( relatore Marco Giovannelli )
  • Tavolo 5 pubblicità iperlocale e mercato ( relatore Vittorio Pasteris )
  • Tavolo 6 giornalismo dalla pratica alla teoria ( relatore Sergio Ferraris )

Auditorium sabato 22 ottobre ore 15-19

Panel/Barcamp Rapporto Odg sul giornalismo digitale (Testimonianze, dati, e resoconti sull’andamento della rivoluzione digitale nel comparto dell’editoria giornalistica iperlocale ) di Pino Rea con Pierluca Santoro, Marco Giovannelli, Alberto Puliafito , Paola Savini (Agcom)e gli editori iperlocali che ci raccontano le loro esperienze in diretta (5 minuti per uno) Daniele Reali (IlGiunco) Vittorio Pasteris (Quotidiano Piemontese) Nicola Novelli (Nove da Firenze) Saverio Zeni (Ok Mugello) Andrea Tortelli (BsNews.it) e tutti coloro che vorranno partecipare.


Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*