Bioplastica: è poco bio

bioplastica plastica
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

La bioplastica anche se “naturale” non va bene. Mentre il 2018 appena passato è stato l’anno che ha puntato l’indice verso le plastiche d’origine fossile con campagne e mobilitazioni in ogni parte del globo e con studi che hanno dimostrato la pervasività delle plastiche nell’ambiente anche quando spariscono dalla vista e si credono distrutte, ora arriva l’allarme sulla bioplastica.

Il ricorso intensivo alle nuove plastiche d’origine bio, infatti, potrebbe portare a un aumento dei gas serra presente in atmosfera. L’allarme arriva da un nuovo studio, pubblicato dall’Universitá di Bonn, secondo il quale lo spostamento verso plastiche basate sulle molecole naturali delle piante, ossia la bioplastica, potrebbe avere effetti meno positivi di quanto si creda.

La bioplastica, infatti, è di base neutrale dal punto di vista dell’impatto sul clima, visto che è prodotta con materiali grezzi, naturali e rinnovabili, come mais, grano o canna da zucchero e contiene la CO2 “sequestrata” durante la fase di sviluppo dei vegetali.

Ma un utilizzo su larga scala potrebbe riproporre i problemi giá osservati con i biocombustibili: «Ci potrebbe essere un aumento della conversione delle zone forestali in terreni agricoli. Ma – spiega Neus Escobar, uno dei ricercatori che ha svolto l’indagine – le foreste assorbono nettamente piú CO2 delle piantagioni di mais o di zucchero di canna».

Insomma con la sostituzione delle varietà vegetali forestali naturali con quelle adatte alla produzione di bioplastiche si avrebbe un deficit importate nell’assorbimento della CO2 che già oggi con l’acidificazione degli oceani mostra la corda.

«Allo stesso tempo, – prosegue Escobar – alcune bioplastiche come le Bio-PE o le Bio-PET non sono biodegradabili, esattamente come le controparti basate sul petrolio». Per cui rappresenterebbero l’ennesima fonte d’inquinamento d’origine antropica verso la biosfera.

La conclusione dei ricercatori è che, allo stato delle conoscenze attuali, la soluzione migliore sarebbe che i Governi e i mercati di tutto il mondo si impegnassero maggiormente verso il ricorso limitato alla plastica, insieme ad un riciclo quasi completo. Allo stato attuale, secondo l’Ocse solo il 15% dei rifiuti di plastica viene riciclato in tutto il mondo, mentre il 25% viene bruciato negli inceneritori e il restante 60% va in discarica, viene bruciato all’aperto o finisce nell’ambiente.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*