Fake news: le verifiche a portata di ebook

Contro le fake news ecco il Verification Handbook, realizzato da un pool di giornalisti internazionali ed edito da Craig Silverman

fake news newspaper
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Se internet è un canale veloce per le fake news è anche uno strumento formidabile per fare le verifiche con cui smontarle, come spiega un manuale dedicato ai giornalisti, ma utile anche ai lettori.

verification handbookSi tratta di Verification Handbook (scaricabile gratuitamente dal sito http://verificationhandbook.com), realizzato da un pool di giornalisti internazionali, edito da Craig Silverman, con la collaborazione dell’European journalism centre e tradotto in italiano da Andrea Coccia, giornalista e cofondatore di Slow News.

Il manuale parte da esempi concreti, di verifiche che sono state fatte in poco tempo su fonti “casuali” raccolte in internet e finisce con un elenco di strumenti che lavorano in rete, essenziali per fare questo lavoro, contro le fake news.

«Partiamo con un assunto che deve essere alla base del lavoro giornalistico: tutto ciò che non è verificato è falso – afferma Coccia – e i modi di fare le verifiche in tempi utili ci sono. Anche con la rete».

Il manuale insegna, per esempio, a incrociare le immagini, con il tempo e lo spazio, a verificare che la fonte esista e no sia anche lei una fake. «E’ comunque un lavoro complesso. Non è che la fake news debba essere per forza basata su fatti falsi – prosegue Coccia – perché i fatti sono come dei puntini, il disegno si crea, e può cambiare, a seconda di come li si unisce».

E non ci sono nemmeno gli alibi della manca di tempo. A Storyful, la prima agenzia di stampa specializzata in social media, hanno fatto una verifica approfondita circa un video realizzato da un cittadino sull’attentato alla maratona del 2013, che è risultato affidabile, in 10 minuti.

«Hanno una squadra allenata, delle procedure, degli automatismi per affrontare tutto ciò. Insomma hanno investito sulle verifiche in situazioni d’emergenza – conclude Coccia – usando una pratica slow per fare una cosa fast». Insomma per combattere le fake news, gli strumenti ci sono tutti. In rete ovviamente.


Scarica il Verification Handbook in formato Pdf


Questo articolo è stato pubblicato su La Nuova Ecologia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*